Description

Uno dei sintomi più evidenti della malattia sociale del nostro tempo sta proprio nel fatto che l’inquietudine a cui si accompagna è spesso apparentemente senza causa, oscura, difficile da mettere a fuoco. Piuttosto, aleggia, scava dentro, permane come un indistinguibile ronzio di fondo. È persino difficile comprendere se sia legata alla contingenza, o non attenga piuttosto alla radice ontologica dell’umano, insomma se essa non roda al cuore l’esistenza come il verme la mela. A fronte dei vari gradi di coscienza rispetto alle diverse situazioni che ognuno può trovarsi a vivere, certamente il malessere si manifesta in prima istanza, e spesso anche molto oltre, con una spiacevole sensazione di assurdità, il sentimento poco chiaro di essere parte di uno spettacolo privo di senso. Gli uomini e le cose ci palesano la loro violenta avversità – o un’indifferenza straniante e fredda.

Tale agghiacciante atmosfera diffusa la si ritrova magnificamente resa in “Convalescenza” di Han Kang, edito da Adelphi.

E-Book (12)

Translated Books (76)

News from Abroad (839)

International Events (9)

Report/Texts (9)